{

t

Essere Donna è così affascinante. E' un'avventura che richiede un tale coraggio, una sfida, che non finisce mai.

(Oriana Fallaci)

 

 

 

 

 

 


facebook
gplus

Qualunque informazione contenuta in questo sito è presentata al solo scopo informativo e pertanto non sostituisce in alcun modo un consulto medico.​

 News 

Ultime News

18/08/2018, 12:39

olio d'oliva, grassi vegetali, dieta mediterranea



Olio-d’oliva:-un-grasso-benefico-


 L’olio di oliva è un alimento tipico della Dieta Mediterranea. In questo regime alimentare, l’olio di oliva rappresenta il grasso predominante. L’olio di oliva è un alimento pregiato, molto antico, con una composizione chimica peculiare.



LE PROPRIETA’ TERAPEUTICHE DELL’OLIO D’OLIVA

L’olio di oliva è un grasso liquido a temperatura ambiente e rappresenta il principale condimento e principale fonte di grasso nella Dieta Mediterranea
Può essere considerato un cibo funzionale con riconosciute proprietà terapeutiche.
Si è visto che nei Paesi in cui l’olio d’oliva, è la maggiore fonte di grasso, si ha una maggiore aspettativa di vita. Si è dimostrato, infatti, che l’olio di oliva riduce il rischio cardiovascolare, riduce l’insorgenza di alcuni tumori (colon, pelle, seno), riduce il rischio di diabete mellito di tipo 2, stimola la mineralizzazione delle ossa e l’assimilazione dei sali minerali.


Il consumo di olio d’oliva migliora il contenuto di antiossidanti e acidi grassi nelle LDL, riducendo così la suscettibilità delle LDL stesse ad essere ossidate. L’ossidazione delle LDL è uno degli eventi fondamentali nel processo di aterosclerosi, che espone ad un maggiore rischio di malattie cerebro e cardiovascolari.

OLIO D’OLIVA. CARATTERISTICHE NUTRIZIONALI

Le proprietà benefiche dell’olio di oliva dipendono dalla sua composizione chimica

L’olio di oliva contiene elevate concentrazioni di acidi grassi monoinsaturi (MUFA), di cui il principale è l’acido oleico, che incrementa i livelli di colesterolo buono HDL, riduce il colesterolo cattivo LDL senza incrementare i trigliceridi ed ha un effetto ateroprotettivo diretto.


Oltre all’acido oleico, l’olio di oliva contiene una serie di composti minori con spiccata attività biologica antiossidante, anti-radicalica, anti-infiammatoria: vitamine A, E, D, K, tocoferoli, fitosteroli (riducono i valori di colesterolo totale), composti fenolici, che si ritrovano anche nel vino, nel , nella verdura, in vari frutti e nel cacao.
Tra i composti fenolici vi sono: l’acido gallico, l’acido caffeico, l’acido vanillico, l’acido cumarico, la quercetina, lo squalene, l’oleuropeina, il tirosolo (contenuto anche nel vino, riduce l’ossidazione delle LDL).
Un altro composto fenolico è l’oleocantale, la sostanza responsabile della sensazione di pizzichio in gola.
Questa sostanza ha proprietà analgesiche, anti-infiammatorie e antitumorali.


L’olio di oliva, pur essendo un grasso benefico, apporta calorie.
Per questo, il consiglio è quello di non esagerare nelle dosi (30- 40 g al giorno cioè 3-4 cucchiai da brodo), di consumarlo prevalentemente a crudo come condimento e di scegliere l’olio extravergine di oliva, un olio di categoria superiore ed il migliore per le fritture per il suo punto di fumo, più alto rispetto ad altri oli.
Il punto di fumo è la temperatura a cui l’olio si altera chimicamente e sviluppa sostanze tossiche.


16/08/2018, 13:01

dormire, dormire poco, ingrassare, dieta, donna, dieta donna, dormire poco fa ingrassare,



Dormire-poco-fa-ingrassare?


 L’Organizzazione Mondiale della Sanità, ha definito l’obesità una epidemia su scala globale. Tra le cause dell’obesità, oltre alla ridotta attività fisica e all’iperalimentazione, vi è anche uno scarso sonno durante la notte. 



L’obesità ha ormai raggiunto i caratteri di una vera e propria epidemia mondiale. L’obesità, caratterizzata da un eccesso di tessuto adiposo e da un B.M.I. >30, può essere dovuta a diverse cause: fattori genetici, scorrette abitudini alimentari, ridotta attività fisica, stress, ritmi frenetici.

SCARSO SONNO E OBESITA’. QUALE LEGAME?

Una riduzione del sonno può favorire la comparsa di obesità attraverso un aumento dell’appetito. In particolare, il sonno scarso diminuisce i livelli di leptina, un ormone prodotto dal tessuto adiposo e che ha un effetto anoressizzante, cioè riduce l’introito di calorie e aumenta il dispendio energetico. Inoltre, si ha un aumento di un altro ormone prodotto dalle cellule dello stomaco, la grelina, "l’ormone della fame", che favorisce l’assunzione di cibo e riduce il senso di sazietà.



Nelle ore di veglia, quindi, si ha più fame e si tende a mangiare di più soprattutto cibi ricchi di grassi e carboidrati ad elevato tenore calorico, anche nel giorno successivo. Per una sola notte in cui si dorme meno, è stato calcolato che il giorno dopo, si tende ad assumere circa 385 calorie in più.

CONSIGLI PER DORMIRE MEGLIO E DI PIU’

La nostra salute, dipende anche dal sonno. Un buon sonno è un bisogno essenziale per il nostro organismo. Il sonno fa bene al nostro cervello, al nostro sistema immunitario e alla nostra forma fisica.

Per fare un buon sonno ristoratore della durata di 7-9 ore, basta seguire delle semplici regole: 
  • dormire in un ambiente confortevole, dormire in una stanza buia e silenziosa, 
  • evitare di dormire durante il giorno (è concesso un riposo di massimo 30 minuti), 
  • andare a dormire e svegliarsi ad orari regolari, non usare tablet, tv, smartphone, computer un’ora prima di andare a dormire, 
  • evitare il fumo di tabacco la sera, in quanto la nicotina ha effetti eccitanti sul sistema nervoso centrale.

Anche una corretta alimentazione può essere di aiuto. È importante:
  • evitare di andare a dormire a stomaco vuoto, 
  • cercare di cenare sempre alla stessa ora, 
  • cenare 4 ore prima di coricarsi, 
  • evitare cene abbondanti che rendono più lenta e difficoltosa la digestione, 
  • evitare cibi ricchi in grassi e proteine, 
  • evitare cibi ricchi in sale e troppo conditi, 
  • evitare nelle ore serali cibi e bevande stimolanti a base di caffeina come il caffè, , cioccolata, bevande tipo cola, 
  • possono essere utili delle tisane a base di piante medicinali rilassanti e sedative come la passiflora, il biancospino, la valeriana e la camomilla.

16/08/2018, 13:01

miele, dolci, benefici, dieta, donna, dieta donna,



Il-Miele:-dolci-benefici


 Il miele è un alimento completo e complesso, ricco di proprietà anche curative. Il miele, prodotto dalle api, è utilizzato fin dall’antichità. Può essere considerato un super alimento



MIELE: UN ALIMENTO COMPLESO. CARATTERISTICHE NUTRIZIONALI

Il miele, unifloreale o multifloreale, è un alimento naturale, prodotto a partire dal nettare e dalla melata dalle api domestiche.
Il miele è un alimento completo e complesso, altamente nutritivo ed energizzante ricco in carboidrati, soprattutto glucosio e fruttosio. Contiene anche acqua, proteine, aminoacidi, diversi enzimi, sostanze aromatiche, ferro, sodio, potassio, calcio, fosforo, vitamina B3, vitamina B2, vitamina C, flavonoidi, inibine ossia sostanze antibiotico-simili.              
È importante ricordare, che la composizione del miele varia in funzione del tipo di polline, del clima e del trattamento finale del prodotto.


GLI EFFETTI DEL MIELE SULLA SALUTE

Fin dalla preistoria, il miele, è stato utilizzato come conservante, dolcificante e come rimedio medico. Il miele, può essere conservato per lunghi periodi di tempo e ha diverse proprietà terapeutiche riconosciute, così come altri prodotti ottenuti dal lavoro delle api (propoli, pappa reale). Riferimenti alle sue proprietà terapeutiche si ritrovano sia nella Bibbia che nel Corano. 
Nell’antichità veniva utilizzato dai guerrieri assieme al latte coagulato, per medicare le ferite.
Il miele, infatti, ha un’azione cicatrizzante, proprietà antibatteriche, anti-fungine, anti-infiammatorie, antiossidanti, analgesiche, emollienti e immunostimolanti.


È un rimedio naturale, economico, efficace e facilmente disponibile per il trattamento topico delle ferite, delle ulcere, delle ustioni, delle dermatiti, dell’acne e della forfora.
È un valido rimedio tradizionale per la tosse, per il mal di gola e per la dispepsia (difficoltà nella digestione).
Studi condotti su ratti da laboratorio, dimostrano come il miele abbia anche moderate proprietà antitumorali e pronunciati effetti anti-metastatici.
Avendo un indice glicemico più basso e un potere dolcificante maggiore del comune zucchero da tavola, nel soggetto diabetico, il miele, in piccole dosi, può rappresentare un’alterativa allo zucchero stesso.
Infine, rappresenta un ottimo alleato per gli sportivi per il suo prolungato effetto energetico.  



1235

Olio d’oliva: un grasso benefico

18/08/2018, 12:39

Olio-d’oliva:-un-grasso-benefico-

L’olio di oliva è un alimento tipico della Dieta Mediterranea. In questo regime alimentare, l’olio di oliva rappresenta il grasso predominante. L’olio di oliva è un alimento pregiato, molto antico, con una composizione chimica peculiare.

Dormire poco fa ingrassare?

16/08/2018, 13:01

Dormire-poco-fa-ingrassare?

L’Organizzazione Mondiale della Sanità, ha definito l’obesità una epidemia su scala globale. Tra le cause dell’obesità, oltre alla ridotta attività fisica e all’iperalimentazione, vi è anche uno scarso sonno durante la notte. 

Il Miele: dolci benefici

16/08/2018, 13:01

Il-Miele:-dolci-benefici

Il miele è un alimento completo e complesso, ricco di proprietà anche curative. Il miele, prodotto dalle api, è utilizzato fin dall’antichità. Può essere considerato un super alimento

Create a website