{

t

Essere Donna è così affascinante. E' un'avventura che richiede un tale coraggio, una sfida, che non finisce mai.

(Oriana Fallaci)

 

 

 

 

 

 


facebook
gplus

Qualunque informazione contenuta in questo sito è presentata al solo scopo informativo e pertanto non sostituisce in alcun modo un consulto medico.​

Dieta nell'Infanzia e dell'Adolescenza

 

L'INFANZIA, L'ADOLESCENZA E LA PUBERTA'​

{

L'infanzia è un periodo della vita compreso fra la nascita e la pubertà. Dura all'incirca dagli 0 ai 12 anni. Nell'ambito dell'infanzia si distingue: la prima infanzia (0-3 anni), la seconda infanzia (3-5 anni), la terza infanzia (inizio 6 anni e termine che corrisponde all'inizio dell'adolescenza e pubertà. 

 

La pubertà è un periodo di graduale transizione dall'età fertile all'età adulta, che inizia intorno ai 10 anni e termina introno ai 18 anni. Di solito, comincia e finisce prima nelle femmine rispetto ai maschi.
Questo periodo è caratterizzato dall'accelerazione della crescita con cui si raggiunge la statura definitiva, dalla comparsa dei caratteri sessuali secondari, dall'inizio della fertilità e da profondi cambiamenti sul piano psicologico e comportamentale.

L'adolescenza è il periodo della vita di transizione psicologica e sociale tra l'infanzia e l'età adulta.
Questo periodo è connotato da profondi e innumerevoli cambiamenti psicologici, emotivi, in cui spesso la ragazza prova un vissuto di disagio legato all'immagine corporea e al suo ruolo sociale.

Questi cambiamenti, possono influenzare le scelte e le abitudini alimentari con importanti ripercussioni sulla salute. 
L'adolescenza si sovrappone in larga parte al periodo della pubertà, ma i suoi confini sono definiti in modo più vago. Solitamente l'adolescenza, si fa terminare quando il soggetto comincia ad essere un giovane maturo, autonomo nella società e in grado di provvedere alle esigenze primarie della vita.

{

CONSIGLI DIETETICI E COMPORTAMENTALI PER LE ADOLESCENTI

L'adolescenza è un periodo particolarmente delicato e critico dal punto di vista nutrizionale per il rapporto che l'adolescente instaura con il cibo.
In questo periodo, si ha un rapido accrescimento ed un'alimentazione inadeguata può comprometterlo. Inoltre, durante questo periodo, si ha un maggiore rischio di carenze di nutrienti, specie per le ragazze.

{

Gli adolescenti, infatti, sono portati a saltare i pasti, a mangiare spesso fuori casa, a seguire abitudini e mode alimentari errate, irregolari e poco salutari.

Una dieta varia, equilibrata e completa, fornisce la giusta quantità di energia e nutrienti per favorire una crescita e uno sviluppo ottimali. 

 

  • L'alimentazione dell'adolescente deve essere ricca in frutta e verdura fresca di stagione, che fornisce sali minerali, vitamine e fibra.
  • Non devono mancare, pane pasta, legumi, cereali, alimenti di origine animale che forniscono proteine ad alto valore biologico. 
  • Il 45% della massa scheletrica dell'adulto si forma durante l'adolescenza. Per cui la dieta deve fornire adeguate scorte di calcio, fosforo e vitamina D
  • E' necessario incrementare l'assunzione di alimenti ricchi in ferro (carni magre, pesce, legumi, noci, cereali, verdure di colore verde scuro) per ridurre il rischio di anemia dovuta a carenza di ferro.
  • Si consigli di evitare o limitare snacks vari, bevande zuccherate e gasate, bevande alcoliche e tutti i cibi spazzatura
  • Non saltare mai la colazione. La colazione è uno dei pasti più trascurati dagli adolescenti, ma è molto importante, perché fornisce energia e nutrienti dopo il digiuno notturno e migliora il rendimento scolastico.
{
  • Svolgere una costante e moderata attività fisica per almeno un'ora al giorno, in quanto è importante per lo sviluppo scheletrico, della massa muscolare, per ridurre lo sviluppo di obesità, sovrappeso e malattie croniche dell'adulto, per l'equilibrio, per la coordinazione e il benessere in generale
  • E' importante che in famiglia si stabiliscano delle regole chiave, ma non troppo restrittive, anche sui pasti.
  • Spesso le ragazze, per seguire modelli fisici imposti dalla società, cominciano a seguire diete "fai da te", che sono assolutamente da evitare, in quanto sbilanciate e pericolose. 
    E' proprio in questa età, che si ha un picco d'incidenza di disturbi del comportamento alimentare come l'anoressia e la bulimia.

LEGGI ANCHE

 

> Alimentazione nell'età evolutiva (Ministero della Salute)

Create a website