{

t

Essere Donna è così affascinante. E' un'avventura che richiede un tale coraggio, una sfida, che non finisce mai.

(Oriana Fallaci)

 

 

 

 

 

 


facebook
gplus

Qualunque informazione contenuta in questo sito è presentata al solo scopo informativo e pertanto non sostituisce in alcun modo un consulto medico.​

 News 

Ultime News

16/08/2018, 11:32

sensibilit al glutine, celiachia, glutine, cereali



Sensibilità-al-glutine-non-celiachia,-non-allergia


 Oltre alla più nota Celiachia, esiste una condizione recentemente riconosciuta dalla comunità scientifica, ossia la "Sensibilità al Glutine", una reazione avversa al glutine a patogenesi immunitaria.



Il consumo in quantità sempre maggiore di pane, pasta, pizza e altri cibi contenenti glutine, ha portato ad un aumento della frequenza delle reazioni avverse al glutine. Alla ben, ormai, nota celiachia, gli esperti hanno affiancato la "sensibilità al glutine non celiachia non allergia" (SGNC).

DEFINIZIONE E CARATTERISTICHE

La sensibilità al glutine è una condizione dovuta ad una reazione immunitaria, che fa seguito all’introduzione del glutine con la dieta, in soggetti in cui la celiachia e l’allergia al frumento sono state escluse e che non hanno anticorpi specifici per la celiachia, né la classica atrofia del villi del piccolo intestino, né l’aumento dei linfociti intraepiteliali. Si ricorda che l’allergia al frumento è caratterizzata soprattutto da disturbi a carico dell’apparato respiratorio (esempio asma). 


La SGNC è ormai riconosciuta nella comunità scientifica, anche se gli aspetti epidemiologici, clinici, terapeutici sono ancora poco chiari. 
La prevalenza nella popolazione generale è ancora sconosciuta. Tuttavia, si stima che questo disturbo sia più frequente nelle donne e nei giovani adulti e che sia molto più diffuso rispetto alla celiachia.

SINTOMI E DIAGNOSI

Questo disturbo si manifesta nel giro di poche ore o dopo qualche giorno l’assunzione di cibi contenenti glutine, con sintomi intestinali ed extraintestinali (gonfiore e dolori addominali, diarrea, mente annebbiata, difficoltà di concentrazione, anemia, mal di testa, affaticamento, dermatite, dolori articolari e muscolari, afte del cavo orale, formicoli a livello delle gambe).


Tali sintomi scompaiono dopo l’eliminazione del glutine dalla dieta. 
La dieta senza glutine, va adottata solo dopo la diagnosi del medico, che avviene tramite un processo di esclusione della celiachia e dell’allergia al frumento. Ad oggi, infatti, non esistono marker sensibili e specifici che consentono di individuare la sensibilità al glutine. 



1
Create a website